Il bonus sulle bollette gas e luce sarà a disposizione dei cittadini anche per il 2020: scopriamo insieme tutte le novità.

Il Bonus Energia, che in pochi conoscono, è un’agevolazione che viene messa a disposizione delle famiglie a basso reddito che potranno avere uno sconto sul totale della bollette gas e luce.

Ma quali sono i requisiti Isee, i documenti e gli importi necessari per godere del bonus? Di seguito cercheremo di esporre in modo chiaro e dettagliato tutto ciò che bisogna sapere riguardo il Bonus Energia.

Questo regime di compensazione della spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di energia elettrica e di gas naturale è stato introdotto dal Governo nel 2009 al fine di sostenere economicamente i nuclei famigliari che si trovano in situazioni disagiate. Lo scopo è quello di risparmiare sulla spesa annuale di luce e gas.

Il bonus sociale su luce e gas è una delle agevolazioni del 2020 di cui possono godere le famiglie che si trovano in difficoltà rivolgendosi gratuitamente al CAF (Centro di Assistenza Fiscale) della propria città. La procedura da seguire al fine di godere del bonus è la seguente:

  1. Le famiglie in possesso dei requisiti ISEE 2020 devono presentare la domanda di bonus sociale recandosi presso il CAF della zona compilando gli appositi moduli.
  2. In un secondo momento il CAF invierà al Comune di riferimento tutta la documentazione al fine di essere visionata.
  3. Il beneficiario riceverà durante la fase di accettazione della richiesta una lettera scritta dalla SGAte (Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulle Tariffe Energetiche) che comunica la data di inizio, l’importo spettante e la scadenza dell’agevolazione.

Il bonus, come detto sopra, spetta esclusivamente alle famiglie con un reddito ISEE basso in quanto lo Stato italiano sostiene le famiglie più disagiate.

Il nuovo limite ISEE per poter accedere al Bonus Energia e risparmiare sulle bollette gas e luce è di 8.256 euro.

Ricordiamo inoltre che per presentare la domanda per il bonus è necessario essere in possesso anche della DSU 2020 completa del valore ISEE che può essere richiesta all’INPS e viene rilasciata in 10 giorni lavorativi.

Ci sono delle tempistiche per poter presentare la richiesta del Bonus Energia, ma non bisogna preoccuparsi se ci dovessero essere dei ritardi in quanto non decade il beneficio ma si sposta semplicemente la data di attivazione.

Per le famiglie numerose la normativa richiede che ci siano almeno 4 figli a carico. Cosa significa avere fiscalmente figli a carico? Per la legge per fare in modo che il figlio sia a carico del genitore è necessario che il reddito complessivo IRPEF non sia superiore a 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili a prescindere dall’età.

Ci sono dei requisiti che le famiglie devono rispettare per poter usufruire del bonus luce:

  1. All’interno dell’abitazione è necessario installare un contatore elettrico fino a 3Kw per i nuclei famigliari fino a 4 persone e a 4,5 Kw per quelli superiori alle 4 persone
  2. Una certificazione ISEE fino a 8.256 euro o a 20.000 euro con almeno 4 figli a carico.

Inoltre, hanno diritto alle detrazioni tutti coloro che hanno in casa una persona affetta da una grave malattia che costringe all’utilizzo di apparecchiature mediche elettriche per la sopravvivenza della persona. In questo caso è necessario essere in possesso di una documentazione rilasciata dall’ASL.

Per aver diritto invece alle detrazioni relative alla bolletta gas, per il 2020 i requisiti sono i seguenti:

  1. ISEE pari o inferiore a 8.256 euro che sale a 20.000 euro per famiglie con almeno 4 figli a carico e contatore gas non superiore a G6.
  2. Il bonus è riconosciuto solo a coloro che hanno utenze gas metano naturale distribuito dalla rete, non si ha diritto nel caso in cui la fornitura del gas è a bombola o a GPL.

Quanto dura il bonus? Entrambi i bonus su bollette gas e luce hanno durata di 12 mesi, rinnovabili con apposita richiesta presso il CAF.

Come si richiede quindi il bonus luce e gas? Le famiglie devono presentare la domanda con la documentazione allegata richiesta dalla legge (certificato ISEE ed eventuale certifica ASL) al CAF presente nel comune di residenza.

Ricordiamo inoltre che ai beneficiari del reddito di cittadinanza spettano anche altre agevolazioni per le bollette gas e luce e, con il 2020, saranno messe a disposizione anche altri bonus TARI ossia sconti previsti sulla tassa dei rifiuti.